Anice Verde - Pimpinella anisum L.

 

 

i-nostri-prodotti-02-anice

Famiglia: Apiaceae.
Specie: Pimpinella anisum L.
Originario del Medio Oriente è oramai così diffuso tanto da potersi considerare originario delle nostre terre.
E' una pianta che ha un fusto che può raggiungere il metro di altezza, cavo nel suo interno. Le foglie sono differenti a seconda della posizione che hanno nella pianta: quelle poste più in basso sono ovali, provviste di un lungo picciolo guainante mentre quelle poste più in alto lungo lo stelo, hanno un picciolo molto più breve e sono profondamente incise. I fiori sono piccoli, disposti in ombrelle e di colore biancastro. Fiorisce durante tutta l'estate.
Il frutto è un achenio che matura in agosto-settembre.

Proprietà curative e benefici dei semi di Anice

Le proprietà dell'Anice verde sono: antispamasmodico, carminativo, espettorante, galattogogo, stimolante e ottimo digestivo. E' ricco di oli essenziali e proteine. Come antispasmodico è ottimo per i disturbi nervosi leggeri anche quando si manifestano a livello gastrointestinale e all'apparato respiratorio. I semi di Anice possono essere considerati validi regolatori dei processi digestivi ed efficaci carminativi. L’azione eccitante dell’Anice verde sulla peristalsi, nei casi di atonia intestinale, e la contemporanea azione antispastica, ne giustificano l’impiego terapeutico nella dispepsia, negli spasmi gastrointestinali e nel meteorismo. Costituenti principali: dall’1,5 al 5% di olio essenziale: E-anetolo (90-95%), estragolo (1-2%), terpeni, sesquiterpeni, grassi (15-20%) e cumarine, flavonoidi.

Attività principali: azione antispasmodica; balsamica e secretolitica.

Impiego terapeutico: dispepsia, spasmi gastrointestinali, meteorismo; catarri vie aeree.

Le preparazioni a base di anice, dal sapore gradevole, contribuiscono a migliorare i processi digestivi aumentando la secrezione salivare e gastrica. Le proprietà antispasmodiche si evidenziano con dosaggi sufficientemente elevati; tale azione è accompagnata da proprietà antisettiche che contribuiscono a inibire il formarsi di processi fermentativi a livello gastrointestinale (aerofagia e flatulenza). II miglioramento delle funzioni digestive, unitamente all’azione antispasmodica, si traduce in uno stato di benessere (assenza di sonnolenza postprandiale, migliorata assimilazione dei principi nutritivi ecc.) rende l’uso di preparati a base di Anice raccomandato per combattere l’astenia accompagnata da cefalea e affaticamento cerebrale. Le proprietà carminative dell’Anice sono meno potenti di quelle del Cumino e del Finocchio.

I Vari utilizzi

La medicina popolare utilizza i semi di Anice in tisane galattagoghe che stimolano la portata lattea. Tali tisane danno al latte materno un sapore gradevole ed esercitano un’azione sedativa-antispamodica anche nel lattante. Dato che l’olio essenziale viene escreto parzialmente dai polmoni e che pertanto favorisce la secrezione bronchiale, i semi di Anice possono essere impiegati con buoni risultati nelle forme pertussoidi e nell’asma.